10 novembre 2017

Cheesecake salato alle erbette e salmone affumicato

Questa nuova ricetta sembra aver riscosso un bel po' di successo sui social (per me 10 like son sufficienti a raggiungere "un bel po' di successo"). Se non altro la hanno molto apprezzata i miei colleghi, abituati come siamo alle nostre pause pranzo tristi.

Solitamente è il sabato il giorno in cui mi dedico ai miei esperimenti ma l'altra sera in tv non c'era niente e non avevo sonno. In più avevo tutti gli ingredienti per provare questa nuova ricetta: formaggio spalmabile, panna, crostini secchi e colla di pesce (che non manca mai nella dispensa di un pasticcere provetto).
Fortunatamente, abitando in campagna, non mancano mai neanche le erbette aromatiche: timo, maggiorana, rosmarino, prezzemolo, salvia e erba cipollina sono sparsi un po' ovunque intorno a casa. 

Avevo tutto l'occorrente, non restava che rimboccarsi le maniche per produrre una torta (questa volta salata) e portarla ai miei assaggiatori di fiducia, i miei colleghi, sempre pronti a trovare il pelo nell'uovo. Ma questa volta non l'hanno fatto.

Un antipasto freddo perfetto, che potete preparare con tranquillità la sera prima e guarnire sul momento. Scegliete di accompagnare la torta con ciò che più vi piace: salmone o prosciutto cotto per i carnivori e zucchine alla griglia o avocado per i vegetariani.


Ingredienti per una torta diametro 26cm:
200 g di crostini croccanti integrali
150 g di burro
40 g di noci
200 ml di panna
500 g di philadelphia
10 g di colla di pesce
erbette aromatiche a scelta (io ho messo erba cipollina, maggiorana e timo)
qualche goccia di limone
sale, pepe
200 g salmone affumicato



Per prima cosa riducete i crostini croccanti in briciole usando il frullatore elettrico. Aggiungete le noci e continuate a frullare. Fate sciogliere il burro sul fuoco o al microonde e unitelo alle briciole in una ciotola, insieme a sale e pepe. Amalgamate tutto fino a rendere il composto omogeneo.
Versatelo in una tortiera tonda a cerniera del diametro di 24-26 cm (io spesso prima di mettere l'anello metto un foglio di carta forno a coprire il fondo e poi chiudo l'anello, così riesco a toglierlo meglio dalla tortiera). Riponete il fondo del cheesecake nel frigo per una mezz'oretta.


Lasciate ammorbidire in acqua fredda i fogli di colla di pesce.

Con le fruste elettriche o con una planetaria, montate 190 ml di panna. Unite poi il philadelphia e la robiola e continuate a mescolare. Aggiungete le erbette fatte a pezzettini, come un battuto), il limone, sale e pepe.  

Mettete sul fuoco la panna messa da parte e fatela riscaldare. Togliete dall'acqua i fogli di colla di pesce e strizzateli bene. Quando siete sicuri che la panna sia calda aggiungeteci la colla di pesce e spegnete il fuoco. Mescolate bene con una forchetta facendo sciogliere bene la colla.


Versate a filo la panna con la colla di pesce nel resto dei formaggi e mescolate bene con le fruste. Prendete la teglia dal frigo e versate sul fondo dei biscotti, la crema di formaggi con le erbette. Spianate bene la superficie e lasciate raffreddare in frigo per una notte o comunque per 5-6 ore.


Passato il tempo di raffredamento sformate la torta e riponetela in un vassoio.
Condite le fettine di salmone affumicato con pepe, abbondante limone e olio e disponetelo sulla superficie del cheesecake. Guarnite con qualche ciuffetto di erbette e con limone.






3 novembre 2017

Ciambella alle mele con farina di farro


C'è un'unica torta al mondo che sappia ricordarti i profumi di casa, di quando eri piccolo, di quando la mamma la domenica preparava il dolce per la colazione: la torta di mele.

Essendo ligia alle tradizioni ho sempre usato una ed una sola ricetta per realizzare la classica torta di mele. Ma oggi ho voluto fare uno strappo alla regola e il risultato non è affatto male. La torta dopo la cottura rimane morbida e sofficissima, merito delle mele all'interno dell'impasto e degli albumi montati a neve. Provate a farla anche voi!



Ingredienti per una tortiera a ciambella diam. 26cm:
100 g di farina di farro
200 g di farina 00
100 g di zucchero bianco
50 g di zucchero di canna (mascobado)
3 uova
70 g di burro
200 ml di latte
1 bustina di lievito
3 mele

Per prima cosa sbucciate due mele, fatele prima a spicchi e poi a dadini non troppo piccoli. Strizzateci qualche spicchio di limone affinchè non si scuriscano e riponeteli in frigo.
La terza mele invece, lavatela bene e, lasciando la buccia, fate tanti spicchietti sottili (sempre sruzzati di limone) che serviranno per la copertura.




In una ciotala, sbattete i tuorli insieme ai due tipi di zucchero fino ad ottenere un composto omogeneo e scuro (per effetto dello zucchero mascobado). Sciogliete il burro in un pentolino e versatelo nell'impasto continuando a mescolare. Unite anche il latte e i due tipi di farina insieme al lievito.

Montate a neve gli albumi insieme ad un pizzico di sale e una volta che avrete ottenuto una spuma ferma unitela all'impasto mescolando dal basso verso l'alto con delicatezza. 

Unite per ultimi i dadanini di mela sempre facendo attenzione a non smontare l'impasto.

Versate il composto in una tortiera a ciambella imburrata e infarinata. Disponete sulla superficie la mela con la buccia fatta a spicchi e spolverate il tutto con 2-3 cucchiai di zucchero banco. Infornate a 180°C per 45 minuti.
Passato questo tempo effettuate comunque la prova dello stuzzicadenti perchè la farina di farro tende ad essere più umida e potrebbero essere necessari altri 10 minuti.



18 settembre 2017

Frollino croccante (ricetta per la pasta frolla)

Il biscotto perfetto da inzuppare nel latte e caffè della mattina? Il frollino senza alcun dubbio. Ecco la ricetta della mia pasta frolla da inserire nel vostro taccuino degli impasti base.



Ingredienti:
150 g di burro
100 g di zucchero di canna
1 pizzico di sale
1 uovo intero
250 g di farina
aroma in polvere a scelta (scorza di limone e arancia, cannella, vaniglia...)



Lavorare con le mani il burro ammorbidito, tenuto fuori dal frigo per una mezz'oretta, e lo zucchero. Aggiungete un pizzico di sale e un uovo intero, continuando a mescolare questa volta con l'aiuto di una forchetta.
Unite la farina e l'aroma in polvere (io ho aggiunto la cannella), e riprendete a lavorare con le mai fino ad ottenere una palla omogenea. 
Stendete la pasta con l'aiuto di un mattarello fino a raggiungere lo spessore di circa mezzo cm. Con una formina, o anche con il bordo di un bicchiere, ricavate dei dischi che poi posizionerete su una teglia da forno con carta oleata. 
Infornate a forno caldo (180°C) per 30 min. circa, o comunque fino a che non saranno belli dorati.




Quest'estate, ad un mercatino, ho trovato questo dolcissimo stampino in legno e silicone e prima di infornare ho impresso su ogni disco di pasta la scritta "HOME MADE".

27 febbraio 2017

Frittelle di semolino


I dolci di carnevale non mi hanno mai fatta impazzire a dirla tutta. Ma queste...appena fatte, calde e belle croccanti sono una droga! Una tira l'altra. E sono semplicissime da fare, alla portata di tutti.

Ingredienti:
750 ml di latte intero
750 ml di acqua
500 g di semolino

300 g di zucchero bianco
100 g di burro
1 bustina di vanillina

4 uova
2 bustine di lievito per dolci
3 cucchiai di farina 00

olio di semi di girasole
zucchero bianco 

Versate il latte e l'acqua in una pentola dal fondo spesso. Mettetela sul fuoco e portate a ebollizione. Quando arriveranno le prime bolle versate a pioggia il semolino, sempre mescolando con un cucchiaio di legno. Continuate a mescolare a fuoco basso per 3-4 minuti, fino a che non avrete un composto omogeneo e denso.



Appena pronta aggiungete lo zucchero, il burro, la vanillina e mescolate bene fino ad ammorbidire l'impasto.
Lasciate riposare il tutto a temperatura ambiente fino a che non si sarà intiepidito.

Io, pensando di prepararle per pranzo, ho cotto il semolino la sera prima in modo da essere certa che si sarebbe raffreddato a sufficienza.



Riprendete poi il composto e aggiungete le uova una alla volta. Unite poi la farina insieme al lievito e mescolate con una frusta fino a rendere il composto omogeneo.

Prendete poi una pentola bassa e versate almeno 4-5 dita di olio. Fatelo riscaldare a fuoco alto e quando pensate sia ben caldo abbassate leggermente il fuoco.

Con l'aiuto di due cucchiai create delle palline che butterete una alla volta nell'olio bollente. Vedrete che le palline andranno sul fondo, lasciatele lì per 2-3 minuti poi con l'aiuto di una schiumaiola staccatele dal fondo e lasciatele galleggiare in superficie. Sempre con l'aiuto di una schiumaiola scolatele bene e lasciatele asciugare bene su un vassoio con carta da cucina. Via via che le scolate aggiungete lo zucchero che si attaccherà alle superficie delle frittelle.




13 febbraio 2017

Torta morbida ricotta e cacao


Ho trovando questa ricetta spulciando i miei blog preferiti sul web. Non ho potuto resistere e alla prima occasione ho acceso il forno e messo in funzione la mia planetaria...che era da un bel pezzo che non usavo ahimè. La cosa che mi piace di questa torta è che non avendo farina, se non pochissima, è molto simile ad un budino, è fresca e leggera. Non è insomma la solita torta che devi berci una tazza di tè per farla andar giù. In più sostituendo la farina di grano con quella di riso possiamo ottenere una torta senza glutine perfetta.

Ingredienti:
4 tuorli
180 g di zucchero
50 g di cacao amaro
500 g di ricotta
3 cucchiai di farina (di grano, di riso o amido di mais)
4 albumi montati a neve
1 pizzico di sale



In una planetaria o in una ciotola con le fruste elettriche, montate a neve gli albumi insieme ad un pizzico di sale. Metteteli poi da parte.

Sempre nella planetaria sbattete bene i tuorli con lo zucchero e un pizzico di sale. Quando otterrete un composto chiaro e omogeneo, aggiungete il cacao setacciato, sempre mescolando e poi la ricotta. Per ultimi aggiungete i 3 cucchiai di farina.
Se volete una ricetta gluten free potete tranquillamente sostituire la farina di grano con della farina di riso o con della maizena. 
Unite poi gli albumi montati a neve e con l'aiuto di una spatola mescolate dal basso verso l'alto.

Rivestire con carta forno una tortiera circolare con diametro 23/24 cm e versate l'impasto.
Infornate a 180°C per 45 minuti.

Una volta sfornata lasciatela raffreddare per qualche ora, spolveratela poi con zucchero a velo e decoratela con mandorle tagliate, nocciole o farina di cocco.


29 dicembre 2016

Cantuccini cioccolato e scorze d'arancia



Durante le feste ne avrete ricevuti a migliaia nelle varie ceste e ceppi di Natale. Ma se le riserve di biscotti fossero già agli sgoccioli potete sempre indossare il grembiule e mettere le mani in pasta. I cantuccini cioccolato e scorzette di arancia sono sempre una buona merenda da assaporare con una buona tazza di tè.

Ingredienti per circa 60 biscotti:
280 g di zucchero
150 g di burro
3 uova intere + 1 tuorlo
1 pizzico di sale
500 g di farina
3 cucchiai di cacao amaro in polvere
1 cucchiaino di lievito

200 g di cioccolato fondente
scorzette di arancia candita


Per prima cosa riducete la stecca di cioccolato fondente in cubetti piuttosto grossolani.
Poi prendete le scorzette e tagliatele a striscioline fini. Se non riuscite a trovare le scorze d'arancia potete sempre usare la buccia di un'arancia non trattata, fatta a striscioline fini e passata in forno per qualche minuto.

Impastate con le mani il burro ammorbidito e lo zucchero. Unite le tre uova e il sale e continuate con una forchetta. Aggiungete la farina, il cacao e il lievito e ritornate a lavorare l'impasto con le mani. Per ultimi unite i cubetti di cioccolato e le scorzette, e andate a formare una palla.



Con la pasta ottenuta andate a formare dei serpentoni di pasta che andrete a stendere su una teglia con carta da forno. Schiacciate con le mani i serpentoni che dovranno essere non più alti di 1 cm e spennellateli con l'albume che vi è avanzato. Poi spolverizzateli di zucchero, così che in forno formeranno una crosticina croccante. Infornate a 180°C per 20-25 minuti.

Una volta pronti toglieteli dal forno e tagliateli tenendo il coltello inclinato. Magari aspettate giusto qualche minuto prima di tagliarli altrimenti rischiate di scottarvi (attenzione soprattutto ai pezzi di cioccolato incandescente).

Mini millefoglie delle feste


Stupite i vostri ospiti con questo dessert, buonissimo e facilissimo da preparare. Perfetto per il gran finale del gran cenone di Capodanno o per tutte le feste dell'anno che verrà.

Ingredienti per 8 mini millefoglie:
1 rotolo di pasta sfoglia (rettangolare o tonda, come preferite)
1 albume

500 g di mascarpone
3 tuorli
6 cucchiai di zucchero
1 pizzico di sale
3 cucchiai di amaretto di Saronno o altro liquore

granella di pistacchi
lamponi freschi


Per prima cosa fate la crema al mascarpone sbattendo i tuorli con lo zucchero fino a formare una crema omogenea e chiara. Aggiungete il pizzico di sale, i cucchiai di liquore e infine il mascarpone. Se vedete che il composto dura fatica ad amalgamarsi aggiungete anche 2 albumi montatati a neve, ma se invece l'impasto ha una buona consistenza non aggiungete nient'altro. L'importante è che la crema sia piuttosto corposa, poichè deve restare all'interno del dischetto di sfoglia. Riponete la crema in frigo mentre procedete con la ricetta.

Stendete il rotolo di pasta sfoglia sul piano e ricavate dei dischi con l'utilizzo di un bicchiere in vetro o con un coppa-pasta. Scegliete la misura del coppa-pasta in base alla quantità di millefoglie che volete realizzare, considerando che per ogni dolcetto ci vorranno due dischi.

Disponete i dischetti su una teglia con carta forno, spennellate la superficie con l'albume rimasto e poi spolverateli con lo zucchero. Infornate a 180°C per circa 10 minuti, o comunque fino a quando la superficie non sarà dorata. Se vedete che i dischetti si gonfiano, schiacciateli con le mani o bucateli con uno stecchino da denti. Una volta sfornati lasciateli riposare e freddare.

Formate i millefoglie disponendo un disco su un piatto, poi una cucchiaio di crema di mascarpone, la granella di pistacchio e di nuovo la crema. Chiudete con il secondo disco, un altro cucchiaio di crema al mascarpone, poi la granella e in fine il lampone. Spolverate tutto con zucchero a velo.

15 luglio 2016

Crostata ricotta e albicocche



Ingredienti per la base:
250 g di farina
100 g di zucchero
150 g di burro
1 uovo
1 pizzico di sale
scorza di limone grattugiata

Ingredienti per il ripieno:
250 g di ricotta
30ml di latte
8 albicocche mature
50 g di zucchero
zucchero di canna

Preparate la frolla impastando con le mani il burro ammorbidito e lo zucchero, aggiungete l' uovo, il pizzico di sale, la scorza di limone grattugiata e per ultima la farina. Formate una palla e lasciatela riposare in frigo per almeno mezz'ora.

Mescolate la ricotta con lo zucchero e il latte.



Riprendete la frolla dal frigo e usatene 2/3 per ricoprire la base e i bordi di una tortiera da plumcake precedentemente imburrata e infarinata. Se volete evitare di imburrarla potete anche usare la carta da forno. Bucherellate il fondo per evitare che si gonfi in cottura e versateci sopra il ripieno di ricotta. Ricoprite la superficie con le albicocche fatte a spicchietti e con uno strato di pasta frolla sbriciolata. Cospargete l'ultimo strato con lo zucchero di canna che aggiungerà croccantezza alla vostra torta.

Infornate a forno preriscaldato a 180° per circa 40 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare prima di servirla. Meglio se la conservate in frigo una volta freddata.


12 luglio 2016

Panna cotta al caffè


Inutile dire che sia tra i più popolari e apprezzati dolci al cucchiaio del nostro paese. La panna cotta è un dessert ottimo per concludere in bellezza una cena estiva, magari accompagnata da frutta fresca oppure una cena invernale se servita con cioccolato, caramello e marmellata. 

Dal momento che ogni pasto che si rispetta termina sempre con un buon caffè perché non unire le due cose? La mia versione di panna cotta è al caffè.


Ingredienti: 
500 ml di panna
150 ml di caffè
100 g di zucchero
8 g di colla di pesce
1 bustina di vanillina

Preparate il caffè. Mettete un po' di acqua fredda in una ciotolina e immergetevi i fogli di colla di pesce. Versate poi in un pentolino la panna, lo zucchero, il caffè e la vanillina. Mettete sul fuoco e portatelo ad ebollizione. Appena comincerà a bollire spegnete il fornello e aggiungete la colla di pesce ben strizzata. Continuate a mescolare per qualche secondo fino a che non sarà completamente sciolta. Versate il composto negli stampini e mettete in frigo per circa 4 ore.

Se volete una panna cotta meno grassa potete sostituire metà dose di panna con la stessa quantità di latte così da ottenere un dolce più leggero, un po' diverso però nel gusto e nella consistenza.




6 luglio 2016

Pastiera napoletana



Ingredienti per la frolla:
500 g di farina
1 uovo intero + 1 tuorlo
200 g di burro
200 g di zucchero
1 pizzico di sale
Ingredienti per il ripieno:
580 g di ricotta
400 g di zucchero
580 g di grano cotto
8 uova
70 g di canditi (arancia e cedro)
1 fialetta di aroma di fiori d'arancio
scorza di limone



Per prima cosa fate la past frolla. Lavorate con le mani il burro (lasciato ammorbidire fuori dal frigo) con lo zucchero, unite le uova, un pizzico di sale e la scorza di limone. Per ultima aggiungete la farina e impastate bene con le mani andando a formare una palla. Lasciate riposare l'impasto in frigo.

Preparate ora il ripieno. Con le fruste elettriche sbattete bene la ricotta setacciata con lo zucchero, unite poi uno alla volta i tuorli, il grano cotto, i canditi, la scorza di limone e l'aroma di arancia. Per ultimi aggiungete gli albumi montati a neve e mescolate bene fino a rendere l'impasto omogeneo e spumoso.


Rivestite una tortiera bella grande e alta (almeno 28 cm di diametro) con carta da forno.
Stendete 2/3 della pasta frolla sul fondo e sui bordi della tortiera, lasciando 1/3 di pasta per le strisce. Versate il composto di ricotta e grano e decorate la superficie con strisce larghe 1,5 cm (la vera pastiera vuole che le strisce siano con i bordi lisci e non frastagliati come nella classica crostata).

Cuocete la vostra torta in forno preriscaldato a 180°C per circa un'ora e un quarto, fino a che la superficie non sarà bella dorata.

Lasciate raffreddare la pastiera e poi a vostra scelta spolverizzatela con zucchero a velo prima di servirla.